Cosa vedere a Albenga: le principali attrazioni e cosa fare

Tra le più belle città del Savonese che meritano assolutamente di essere viste e visitate c’è Albenga ed è per questo che prima di tutto è importante capire cosa vedere a Albenga, una città considerata il secondo comune più importante della provincia di Savona per estensione e densità di popolazione.

Situata nella Riviera ligure di ponente, Albenga è una magnifica cittadina turistica che gode della presenza di bellissimi paesaggi e di un clima mite e favorevole. Ogni anno, tanto nel periodo estivo quanto in quello invernale, è visitata da numerosi turisti italiani o stranieri che desiderano trascorrervi una vacanza avendo anche la possibilità di immergersi nelle acque delle migliori spiagge di Savona.

A caratterizzare Albenga rispetto a molte altre cittadine liguri vi è un antico detto Ligure che ha da sempre creato un po’ di scetticismo nelle opinioni di molti turisti. Si tratta di un vecchio proverbio popolare che reciterebbe Albenga chi non c’ha da fare non ci venga e che è stato utilizzato anche per girare un video sulla città.

Il concetto che vi sta alla base è una idea insita nelle menti di vecchi contadini e campagnoli di Albenga, contrari all’immigrazione e molto spesso anche al turismo. Ciò che il vecchio proverbio appena citato vuole esprimere è che nella cittadina ligure di Albenga non sono visti di buon occhio coloro che vi soggiornano senza avervi una fissa dimora o comunque un’occupazione stabile.

Quello che preme sottolineare, però, è che rispetto alla data in cui il video fu girato e successivamente pubblicato le cose sono cambiate molto e vi sono stati numerosi miglioramenti tanto che ad oggi Albenga è diventata una città che merita di essere visitata. Piccoli e grandi commercianti della zona stanno cercando di impegnarsi e fare qualcosa per la città che per troppi anni è stata trascurata.

Cosa vedere a Albenga: prima di partire

Come ogni città che meriti di essere vista, anche Albenga richiede che prima di partirne alla scoperta vi sia una attenta valutazione di cosa si potrebbe fare o preferire vedere. E’ questa la ragione per cui prima di mettersi in viaggio alla scoperta di una delle più belle città del savonese bisognerebbe anzitutto sapere cosa vedere a Albenga.

Decidere cosa vedere a Albenga è semplice se si parte dal presupposto che vi sono alcune attrazioni che non devono assolutamente essere tralasciate. La prima cosa sulla quale bisogna soffermarsi è sicuramente la sua conformazione geografica. Albenga è apprezzata da molti in quanto è un territorio estremamente pianeggiante, fantastico dal punto di vista paesaggistico ed adatto tanto a coloro che vogliono semplicemente rilassarsi in spiaggia quanto ai più avventurieri che preferiscono trascorrere la propria giornata in passeggiate.

Fondamentale per capire quali sono gli aspetti peculiari di Albenga è parlare dei suoi caratteri storici. La storia di Albenga è piuttosto lunga e per alcuni versi anche complessa. Prima di tutto è da dirsi che Albenga è stato un centro molto importante per la fondazione dell’Impero Romano nella Liguria occidentale.

Prima di soffermarsi nel dettaglio su cosa vedere a Albenga è importante anche capire cosa fare ad Albenga se piove. Non è sempre detto, infatti, che le condizioni climatiche siano favorevoli ad una visita all’aperto. Nel caso in cui il tempo dovesse essere particolarmente piovoso o comunque inadatto ad una passeggiata lungo le vie della città si potrebbe, ad esempio, decidere di trascorrere un pomeriggio al cinema Multiplex di Albenga o di recarsi presso il centro commerciale le Serre di Albenga.

Tornando ancora alla storia di cui Albenga è stata a lungo protagonista è possibile affermare che sia stata proprio questa ad averla resa oggi una città medievale molto importante nella quale è possibile visitare monumenti e luoghi storici estremamente suggestivi. Tra questi, ad esempio, il centro storico o le torri. Vedremo più nell’esattezza nei paragrafi successivi cosa visitare a Albenga.

Il centro storico

Tra i luoghi da non escludere assolutamente nel momento in cui si sceglie cosa vedere a Albenga c’è sicuramente il centro storico. Si tratta del primo insediamento che venne realizzato dagli Ingauni, un’antica popolazione ligure di navigatori molto dediti alla prateria ed al commercio.

La storia del centro storico di Albenga vede quindi i propri inizi proprio a partire da questa antica popolazione e, cronologicamente parlando, dal VI secolo a.C. per poi proseguire soprattutto durante e successivamente le guerre puniche, nel corso delle quali Albenga si alleò con la città di Cartagine contro Roma, Genova e Marsiglia rendendosi protagonista di un susseguirsi di scontri che come risultato finale videro l’annessione a Roma della cittadina ligure di Albenga.

Albenga, spesso definita capitale della Liguria romana e medievale, gode quindi della presenza di un bellissimo centro storico con qualità e potenzialità enormi dal punto di vista turistico. Nel cuore storico della città tutto è estremamente vecchio ed antico e sono conservati tutti i caratteri di una volta.

E’ ormai da tempo che l’impegno dei cittadini di Albenga e delle istituzioni politiche sta portando a dei risultati concreti, riuscendo ad attuare una vera e propria rivoluzione del centro storico. Oltre che posto molto importante dal punto di vista culturale e particolarmente apprezzato per la presenza della Cattedrale, del Battistero e delle Torri, il centro è noto anche grazie ai numerosi negozi del centro storico di Albenga che variano da piccoli negozietti di prodotti tipici e locali a posti più grandi nei quali poter fare shopping. Per gli amanti dello shopping, infatti, fondamentale è la presenza della grande via e delle piccole vie ad essa associate, tutte ricchissime di negozi di abbigliamento.

La visita al centro storico di Albenga, quindi, può anche essere vista come un ottimo modo per approfittare della presenza dei numerosi locali tipici, pizzerie, ristoranti, birrerie o vinerie nelle quali sarà possibile degustare alcuni dei migliori vini tipici di Savona.

Molto spesso, quando si decide di visitare un centro storico cittadino il problema che ci si pone è quello di trovare parcheggio per la propria auto. Ecco perché per essere preparati quando si arriva e per non dover fare inutili ed infiniti giri in macchina è importante informarsi preventivamente sul parcheggio centro storico di Albenga. I parcheggi, inizialmente troppo pochi, sono da poco stati ampliati grazie a dei lavori in un’area nella quale sorgeva un vecchio fabbricato.

La demolizione della vecchia struttura e la successiva bonifica dell’area hanno dato vita a nuovi parcheggi vicini al centro storico. Si è trattato di un intervento particolarmente utile per il centro storico di Albenga, la cui condizione di carenza di posti auto è stata in parte sanata dalla realizzazione di questo nuovo parcheggio pubblico.

Per chiunque si trovi in Liguria e desideri visitare la tanto amata città medievale ed il suo fantastico centro storico, è qui di seguito fornita la mappa del centro storico di Albenga.

Le torri

Albenga è anche conosciuta come la città delle cento torri. Si tratta di un detto piuttosto antico creato allo scopo di affermare che le torri di Albenga presenti a sovrastare i tetti sono davvero molte e diventano numerosissime soprattutto nel momento in cui vengono sommate con i campanili.

Cosa vedere a Albenga: le torri
Le torri di Albenga sono delle attrazioni da non perdersi assolutamente quando si decide cosa vedere a Albenga. Esse furono edificate a cavallo tra il XII ed il XIII secolo da famiglie piuttosto ricche delle quali le torri divenivano simbolo di dominio e di prestigio. La maggior parte di queste torri, infatti, si ergono proprio al fianco di case nobiliari.

La loro costruzione, particolarmente possente, fu realizzata con grandi blocchi di pietra sovrastati nella parte superiore da mattoni a vista. La sorte delle torri di Albenga è stata piuttosto varia poiché alcune si sono conservate mentre altre hanno dovuto subire opere di mantenimento e ristrutturazione.

Il battistero

Nel momento in cui si decide cosa vedere a Albenga un’altra attrazione da non perdere assolutamente è il battistero. Si tratta di un battistero Paleocristiano situato nel cuore del centro storico di Albenga e molto vicino alla cattedrale di San Michele Arcangelo ed al vecchio palazzo del comune.

E’ considerato uno dei battisteri e dei monumenti Paleocristiani più belli dell’Italia settentrionale ed è molto apprezzato dai numerosi turisti che già hanno avuto la possibilità di visitarlo. Una visita all’interno del battistero di Albenga permette di vedere quali sono i preziosi elementi in esso conservati.

Tra questi le due tombe poste all’ingresso e databili all’alto medioevo, la sala con la vasca ottagonale utilizzata per il rito battesimale e i due fonti battesimali, entrambi conservati nelle nicchie laterali. Numerosi sono anche gli affreschi e le decorazioni realizzate a mosaico.

Tra le tante decorazioni presenti una di particolare rilevanza è proprio il mosaico del battistero di Albenga realizzato con particolare attenzione su una delle volte ed ancora oggi perfettamente ed integralmente osservabile. Si tratta di una decorazione databile al V-VI secolo d.C. ritenuta addirittura una delle più belle opere d’arte dell’intera regione ligure. Ciò che vi è rappresentato è il monogramma di Cristo, su un cielo cobalto punteggiato di stelle.

Il battistero Paleocristiano di Albenga è visitabile dai turisti solo in determinate fasce orarie di seguito riportate:

Lunedi: Chiuso
Martedi: 9:30 – 12:30 e 16:30 – 19:00
Mercoledi: 9:30 – 12:30 e 16:30 – 19:00
Giovedi: 9:30 – 12:30 e 16:30 – 19:00
Venerdi: 9:30 – 12:30 e 16:30 – 19:00
Sabato: 9:30 – 12:30 e 16:30 – 19:00
Domenica: Chiuso

Cattedrale

Un’altra attrazione importantissima da visitare e valutare quando si decide cosa vedere a Albenga e quindi da prendere in considerazione durante una gita al centro storico di Albenga è la Cattedrale di Albenga, più nota come cattedrale di San Michele Arcangelo. Si tratta di un luogo di culto cattolico che, come già detto, è situato nel centro storico della città e più precisamente tra via Bernardo Ricci, piazza San Michele e piazza IV Novembre.

Quando si fa una visita alla cattedrale è anche possibile vedere il bellissimo organo cattedrale Albenga. Si tratta di un monumentale organo a canne le cui prime tracce risalgono al medioevo.Nella Cattedrale San Michele Arcangelo Albenga, oltre a farvi visita, è anche possibile prendere parte alle celebrazioni religiose.

Di seguito sono riportati gli orari messe cattedrale Albenga:

  • Prefestiva: ore 18.00
  • Festiva: ore 7.30 – 9.00 – 10.30 – 12.00 – 18.00
  • Feriale: ore 8.00 – 17.30

Il museo del piatto blu

Il museo del piatto blu di Albenga non è altro che una esposizione permanente dal titolo “Magiche trasparenze. I vetri dell’antica Albingaunum”. Ciò che risulta possibile visitare, in sostanza, è un luogo all’interno del quale sono conservate alcune tra le più suggestive testimonianze di epoca medievale-rinascimentale.

Il famoso piatto blu è un pezzo unico che si annovera tra cosa vedere a Albenga. E’ tanto importante da mettere la città di Albenga nella condizione di dover letteralmente combattere per tenerselo stretto. Il piatto fu ritrovato all’interno di una tomba romana e si trova oggi a Palazzo Oddo all’interno della famosa mostra “Magiche Trasparenze”.

Il prezzo museo del piatto blu del biglietto di ingresso è il seguente:

  • Intero: 4,00 €
  • Ridotto: 2,00 €, valido per ragazzi di 15 – 18 anni, visitatori di età superiore a 65 anni, gruppi di almeno 15 persone, scuole medie superiori.
  • Gratuito per soci ICOM e per bambini fino a 6 anni.

La Gallinara

Isola Gallinara - Albenga
La Gallinara, luogo adatto da visitare soprattutto nel periodo estivo, è un’isola situata nei pressi della costa ligure, di fronte al comune di Albenga cui appartiene. Poco distante dalla costa è parte, assieme a tutta l’area circostante, di una riserva naturale conosciuta come riserva naturale regionale dell’isola di Gallinara.

Trattandosi di una riserva naturale non è possibile visitarla autonomamente ma non può sicuramente essere esclusa da cosa vedere a Albenga nel momento in cui si opta per trascorrere una vacanza nella cittadina del savonese. Proprio in virtù di tutto quanto è stato appena detto è necessario recarvisi solo attraverso un tour organizzato per la visita. Periodicamente, infatti, gruppi organizzati di turisti sono condotti in barca verso questa bellissima isola, nei pressi della quale sarà anche possibile immergersi.

Quando qualcuno condivide, tutti vincono. (Jim Rohn)

Author:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *